Valentino Rossi: “Guarire dal Covid è stata dura, ora voglio un figlio”

Valentino Rossi: “Guarire dal Covid è stata dura, ora voglio un figlio”

21 Marzo 2021 1 Di Angelo Sorbello

Domenica 28 marzo 2021 riparte la stagione del Motomondiale che vedrà tra i suoi protagonisti ancora un volta Valentino Rossi che è pronto a ripartire nel campionato di Moto Gp.

Lo scorso mese di ottobre Rossi era risultato positivo al Covid19 e adesso il pilota ha confessato che ha passato dei momenti veramente difficili. Ecco che cosa ha dichiarato in un’intervista a Repubblica:

“È stata dura perché ero isolato da tutto. Io, che da quando sono nato è sempre una festa, perché chiunque incontro mi sorride e mi sembra di portare allegria: mi sono sentito un appestato. Un diverso. Credo di aver capito cosa sia la solitudine: non mi era mai successa una cosa del genere“.

Inoltre, Rossi confessa che ora vuole mettere su famiglia: “Vorrei un bambino”. La sua attuale compagna è Francesca Sofia Novello, modella e influencer con cui fa coppia fissa ormai dal 2016: “È un po’ che ci penso, credo di avere trovato la ragazza giusta. Uno o due figli: si può fare. Anche perché dopo passano gli anni e ti annoi, così invece ne vale la pena”.  Un storia d’amore molto privata che non è quasi mai finita sui giornali e sui social media: “Ho avuto molte fidanzate con cui sono stato insieme diverso tempo ma ho capito subito che non ci avrei passato tutta la vita insieme e in 3-4 situazioni mi sono salvato per un pelo. Con la mia morosa di oggi è una cosa diversa. Il matrimonio? Al momento mi interessa di più un figlio ma se a un certo punto mi guarda negli occhi e mi fa capire che ci tiene, allora va bene”.

Valentino Rossi ha ricevuto la prima dose di vaccino Pzifer in Qatar, dove partirai mondiale di Motociclismo domenica prossima. “Siamo dei privilegiati. È successo in Qatar, dove eravamo all’inizio del mese per i testi: merito di un accordo tra il governo locale e i gestori del motomondiale”. La seconda dose del vaccino la farà sempre a Doha in Qatar, dopo la seconda gara del 4 aprile. “Dicono che per chi è stato contagiato, può esserci qualche piccola reazione: non mi interessa, è troppo importante“. Rossi fa capire che la situazione del Qatar e totalmente diversa rispetto all’Italia: “Spero che lo facciano tutti e al più presto. Penso gli anziani. E ai miei genitori, che ormai cominciano ad avere una certa età. Ma anche ai ragazzi”, ha detto Rossi.

“Questa storia ci sta logorando. Noi della MotoGp possiamo almeno portare un pizzico di gioia, leggerezza: siamo come il calcio e la F1, un intrattenimento. La gente quando mi vede mi vuole bene perché ho fatto passare loro un sacco di domeniche belle. E ora ne avrebbe bisogno”.

 

 

LEGGI ANCHE 

WWE Fastlane 2021: Card, orari e dove vederla