UeD, Soraia Allam e Federica Aversano da corteggiatrici a vere amiche: “Si è creato un rapporto assurdo”

UeD, Soraia Allam e Federica Aversano da corteggiatrici a vere amiche: “Si è creato un rapporto assurdo”

28 Marzo 2022 0 Di Lorenzo Porcini

Negli studi di Uomini e Donne oltre alle storie d’amore a volte nascono anche delle belle amicizie, come nel caso di Soraia Allam e Federica Aversano, le due corteggiatrici di Luca Salatino e Matteo Ranieri. 

Le due sono state interessate dal settimanale del dating show e hanno parlato del loro rapporto: 

“Tra tutte le ragazze che sono scese, Soraia è stata l’unica che ha salutato. L’ho vista dolce, posata, non sul piede di guerra come altre. Quando scendevo arrabbiatissima, lei riusciva a farmi ragionare dicendo le stesse parole che avrei detto io a una ragazza nella mia stessa situazione. Lì è nato l’amore”  ha confessato Federica.

Anche Soiara ha detto la sua a riguardo: “È stato un colpo di fulmine. Ce lo siamo dette un sacco di volte: ci siamo sedute lì, ci siamo guardate, abbiamo iniziato a parlare… Ci accomuna il fatto che abbiamo preso grandi fregature tutte e due, le esperienze ci hanno fatte crescere e a volte ci capiamo veramente con uno sguardo. È una cosa che senti a pelle, ti guardi, scambi due parole e capisci; ‘è lei’. Come avviene in amore, avviene in amicizia […] Nei giorni in cui lei non c’era, lì seduta accanto a me, era come se mi mancasse veramente qualcosa. Cioè, si è creato davvero questo rapporto assurdo. In uno studio televisivo sembra impossibile perché quasi non possiamo parlare, ma sta tutto nel dopo: il sentirci, il farci forza […] Se Federica sta male, rinuncio al mio tempo con Luca”

Federica ha poi continuato aggiungendo: “Quando ero arrabbiata o in difficoltà, Soraia c’era. E viceversa. Quando sono andata via e sono tornata, ho trovato un Matteo freddo, che non mi capiva nonostante avessi messo da parte il mio orgoglio. In quel momento l’ho sentita vicina. Lei è un calmante per me, mi fa ragionare”.

 

LEGGI ANCHE 

Amici 21 , Un noto coreografo contro l’esibizione di Carola Puddu “Ha reso noioso un samba travolgente”