giovedì, Luglio 25, 2024

ULTIMI ARTICOLI

CORRELATI

Arisa, endorsement a favore della Meloni e delle sue posizioni verso i diritti LGBTQ+, diluvio di critiche sul web

Alla fine è arrivato l’endorsement filogovernativo di Arisa, nessuno se lo aspettava in determinati termini, soprattutto perchè successivamente alle dichiarazioni TV è seguita una diretta Instagram in cui la cantante ha voluto ribadire la sua posizione, queste le sue parole rilasciate a La Confessione, il programma condotto da Peter Gomez su La7 :

Giorgia Meloni mi piace perché ha molta cazzimma. Questa cosa andrà contro di me. Una volta ho fatto un discorso dicendo che la signora Meloni mi piacesse. Tutti i miei amici mi avevano sconsigliato di farlo, affermando che sarei stata additata come fascista”

Ma non finisce qui, Arisa si è anche schierata a favore della Premier, per quanto riguarda le sue posizioni LGBTQ+ :

Le sue non sono posizioni aperte, però secondo me lei si comporta come una mamma molto severa e spaventata. Una madre che non è solo madre di un figlio, ma ne ha 4 e allora sembra che lei faccia cose che vadano bene per tutti e 4 i figli, magari penalizzandone uno. Secondo me ci vuole tempo e da parte nostra un cambio di atteggiamento, non sempre in lotta ma in dialogo”

Affermazioni che hanno suscitato un vespaio di polemiche sul web, soprattutto alcuni hanno sottolineato quanto Arisa sia caduta in contraddizione, appoggiando la linea Meloni e poi invitando tutti al Pride : “Arisa inizia la diretta con “la Meloni mi sta simpatica” poi dice “ci vediamo il 10 al pride”. Ma con quale coraggio”, ha scritto una utente, “Io una madre che impedisce a uno dei figli di avere gli stessi diritti dell’altro non la definirei severa” ha aggiunto un’altra.

Tra tutti anche Vladimir Luxuria ha voluto dare il suo punto di vista :

“Una mamma può essere dolce o severa ma deve esserlo con tutti i figli, non fare figli e figliastri lasciando indietro uno dei suoi figli solo perché diverso dagli altri e trattarlo come un brutto anatroccolo: quella non è severa, è una mamma ingiusta”

Arisa per il momento non ha risposto, le polemiche sul web stanno continuando e per il momento non sembrano destinate a terminare.

Giuseppe Scuccimarri
Giuseppe Scuccimarri
Giuseppe Scuccimarri, classe 1969, esperto di televisione e cronaca rosa con interessi anche per l'attualità e la politica nazionale e internazionale. Autore della commedia "Il delitto di Lord Arthur Savile" (2002) e del musical "La vita è una splendida canzone" (2014), ghostwriter per diversi autori e paroliere, amante della scrittura e della letteratura italiana e straniera.

I PIU' LETTI