Isola dei Famosi: i retroscena della puntata finale

Isola dei Famosi: i retroscena della puntata finale

13 Giugno 2021 2 Di Giuseppe Scuccimarri

Nonostante “L’ Isola dei Famosi” abbia vissuto il suo epilogo circa una settimana fa, ci sono ancora dichiarazioni dei protagonisti e curiosità sul dietro le quinte, tutto ciò che in televisione non si è visto. Intervistato a Casa CHI, Andrea Cerioli si è lasciato andare a confidenze su quanto accaduto nei minuti immediatamente successivi la sua eliminazione e il conseguente ritorno in Italia. Questo il racconto dell’ex naufrago, terzo classificato nel reality di sopravvivenza:

Appena venivi eliminato ti portavano in un posto dietro la Palapa, la prima cosa che fanno è darti da mangiare. Stavamo lì e c’erano i parenti e anche la Martani, che resta un punto di domanda, questa è fuori come un cul* si è fatta 9000km per abbracciarmi. Appena esci per il televoto ti dicono di seguirli, giri l’angolo e ti ritrovi gli eliminati e i parenti,  quindi è stato bellissimo. Siamo stati dietro un’oretta ad aspettare l’annuncio del vincitore, poi appena ha vinto Awed ci hanno caricati tutti su un elicottero, c’erano troppe onde e non potevamo andare in barca verso il villaggio. Stavamo in un posto chiuso dove eri controllatissimo.

Cerioli tra le altre cose ha raccontato di essersi sentito male durante il viaggio di ritorno, la sera prima si è lasciato andare e ha bevuto un pò

Se ho mangiato tanto nella struttura? Ti dico la verità, ho bevuto tanto. Mi sono sentito davvero male, durante il viaggio di ritorno eravamo a Città del Messico e ho iniziato a vomitare, hanno dovuto chiamare subito un medico, sono stato malissimo, in aereo sdraiato nel corridoio con il medico che mi dava delle cose da prendere, mai successo nella mia vita e invece è accaduto. Bevi, bevi, bevi la sera prima, poi rifallo dopo e il mio corpo si è spento, poi mettici gli 80 giorni di Isola, non ho retto e sono crollato. Il medico mi ha dato tre pastiglie, continuavo a sudare e avevo freddo, lui è tornato con altre due pillole e mi sono addormentato fino a Parigi”

Rientro movimentato quindi per Andrea Cerioli in particolare, ma anche per gli altri naufraghi, durante uno scalo non sono stati caricati i bagagli e una volta arrivati a Milano hanno dovuto aspettare qualche ora per poterli avere. A parte il ritorno un pò problematico per Cerioli l’esperienza dell’Isola è stata positiva, ricorderà sempre con nostalgia il cielo stellato che solo da un atollo si può vedere in una maniera unica, un pò meno avrà nostalgia dei mosquitos che gli hanno massacrato caviglie e piedi.

 

 

LEGGI ANCHE

UeD, l’ex corteggiatore confessa: “Rissa dietro le quinte, abbiamo spaccato due telecamere”