Il Premier Conte annuncia nuove restrizioni: ecco il contenuto del nuovo Dpcm!

Il Premier Conte annuncia nuove restrizioni: ecco il contenuto del nuovo Dpcm!

3 Dicembre 2020 0 Di Valentina Spataro

Parla il Presidente Giuseppe Conte, in diretta, per spiegare le nuove normative contenute nel Dpcm del 3 dicembre. In questo testo vengono regolamentate le modalità in cui passeremo le nostre vacanze di Natale. Sarà sicuramente un Natale molto diverso all’insegna delle restrizioni.

Queste le parole del Premier Conte:

“Continueremo ad applicare il sistema delle regioni colorate perché sta funzionando. Le misure che adottiamo sono adeguate e proporzionate al livello di rischio effettivo del territorio. Attualmente l’indice Rt è 0,91 quindi siamo riusciti a riportarlo sotto l’uno. In prossimità delle feste natalizie quindi tutte le regioni diventeranno gialle. Siamo riusciti a evitare un lockdown generalizzato come in primavera. Ma non possiamo abbassare la guardia. Dobbiamo introdurre nuove misure limitate al periodo che va dal 21 dicembre al 6 gennaio:

  1. spostamenti: sono vietati tutti gli spostamenti da una regione all’altra anche per raggiungere le seconde case. Nei giorni di 25 e 26 dicembre sono vietati anche gli spostamenti fra i comuni. Gli spostamenti sono vietati anche dalle 22 alle 5 del mattino. Resta quindi operativo il coprifuoco. Nella notte di Capodanno il coprifuoco è esteso fino alle 7 del mattino. E’ sempre consentito il rientro al proprio domicilio o residenza. Per chi rientra dall’estero è obbligatoria la quarantena. Gli impianti sciistici resteranno chiusi fino al 6 gennaio e sono sospese anche le crociere.
  2. Le scuole riapriranno il 7 gennaio con la didattica in presenza però limitata al 75 %.
  3. In area gialla i ristoranti saranno sempre aperti a pranzo. Nelle arancioni per i ristoranti sarà possibile continuare con l’attività d’asporto dalle 17 alle 22. Sempre consentita l’attività di consegna a domicilio.
  4. Noi non possiamo entrare nelle case chiaramente, ma vi raccomandiamo fortemente di non ricevere a casa persone non conviventi. E’ una cautela essenziale per evitare la terza ondata di contagi che potrebbe già arrivare a gennaio.
  5. Gli alberghi rimangono aperti ma non sarà possibile organizzare veglioni e cenoni nella notte di Capodanno. I ristoranti delle strutture alberghiere chiuderanno quindi il 31 dicembre alle ore 18 e sarà consentito solo il servizio in camera.
  6. I negozi resteranno aperti fino alle 21. Dal 4 al 15 gennaio nei centri commerciali però saranno aperte solo tabacchi, farmacie, alimentari e parafarmacie.

Il premier si è poi rivolto alle persone portatrici di disabilità a cui il governo dedica sempre impegno e attenzioni. Dobbiamo attendere i vaccini e le cure che arriveranno con il nuovo anno. Questo sarà un natale diverso dagli altri ma non meno autentico. “

LEGGI ANCHE

Nuovi sviluppi sulla morte di Maradona, Poteva essere salvato?