mercoledì, Maggio 22, 2024

ULTIMI ARTICOLI

CORRELATI

Elenoire Ferruzzi consiglia il coming out a Matteo Ranieri “Basta teatrini dopo starai meglio”

Elenoire Ferruzzi entra ancora una volta a gamba tesa in un post social altrui e lo fa in maniera pesante, questa volta consigliando il coming out a Matteo Ranieri. L’ex tronista è stato a volte al centro dei mormorii del web per la sua presunta omosessualità, complici due relazioni nate all’interno di Uomini e Donne, terminate nel giro di due settimane, una con Sophie Codegoni e l’altra con Valeria Cardone.

La relazione con Sophie in particolare è finita senza non pochi strascichi, con le dichiarazioni al veleno della bionda romagnola che ha accusato Matteo di averle sempre preferito i suoi amici e di essersi astenuto dall’avere rapporti intimi con lei. Parole a cui non è seguita alcuna replica da parte di Ranieri. In tutto ciò ha fatto discutere l’amicizia particolare dello stesso Matteo con Luca Salatino, dapprima colleghi di trono, si sono ritrovati a condividere parecchio tempo insieme, frequentazione interrotta quando Salatino si è fidanzato ed improvvisamente ripresa dopo la rottura di quest’ultimo con la fidanzata Soraia Allam Ceruti.

Dopo quest’ampia spiegazione sulle chiacchiere che da tempo accompagnano Matteo, veniamo ai fatti recenti, dopo una sorpresa che il giovane genovese ha fatto a Ibiza a un suo caro amico, Elenoire Ferruzzi ha lasciato un commento sotto al post pubblicato da Ranieri per celebrare l’incontro, invitandolo al coming out :

 “Tesoro esci allo scoperto vivrai meglio anziché fare sti teatrini inutili”.

E a coloro che hanno invitato Elenoire a farsi i fatti suoi, l’influencer ha risposto :

“Ma che ne sapete voi”

Tali affermazioni lasciano presuppore che Elenoire sia a conoscenza di segreti che Ranieri tiene nascosti, in particolare il suo orientamento sessuale e lo stia invitando ad uscire allo scoperto. Detto ciò è proprio necessario che un individuo renda pubbliche le sue preferenze in ambito sessuale? La libertà dell’individuo non sta anche nel decidere cosa debba rimanere privato? La libertà individuale finisce dove inizia quella altrui forse alla Ferruzzi sfugge questo particolare.

Giuseppe Scuccimarri
Giuseppe Scuccimarri
Giuseppe Scuccimarri, classe 1969, esperto di televisione e cronaca rosa con interessi anche per l'attualità e la politica nazionale e internazionale. Autore della commedia "Il delitto di Lord Arthur Savile" (2002) e del musical "La vita è una splendida canzone" (2014), ghostwriter per diversi autori e paroliere, amante della scrittura e della letteratura italiana e straniera.

I PIU' LETTI