UeD, a pochi passi dalla scelta Beatrice Buonocore si racconta in un’intervista.

UeD, a pochi passi dalla scelta Beatrice Buonocore si racconta in un’intervista.

22 Gennaio 2021 1 Di uominiedonne._.news

Il trono di Davide Donadei sta per giungere al termine. Beatrice Buonocore, come la sua rivale Chiara Rabbi (CLICCA QUI PER LEGGERE L’INTERVISTA DI CHIARA) , ha deciso di raccontarsi al magazine di Uomini e Donne.

Ecco la sua intervista:

Sono passati cinque mesi dal suo primo ingresso in studio e ora il cerchio sta per chiudersi. Come si sente?

“La parola d’ordine è paura. Ho il timore che possano essere gli ultimi momenti insieme, ho paura di aver creduto da sola in questo percorso e di non viverlo più, non potendo fare con lui tutto quello che ho immaginato di fare insieme fin dal primo giorno. Dopo aver investito così tanto tempo e sentimenti, farei fatica a immaginarmi fuori senza Davide.”

Chi è oggi Beatrice?

“Questo percorso ha rappresentato soprattutto una crescita personale. Sono entrata un po’ più immatura, ma grazie a questo programma e all’aiuto di Maria, che spesso mi ha aperto gli occhi, sono cresciuta e ho preso più consapevolezza di ciò che vorrei per me e nella mia vita. Ho imparato a tirare fuori tutte le mie emozioni, senza paura di passare come fragile e debole. Ho provato a gestirle e ho anche imparato a volermi un po’ più bene.”

Cosa c’è tra lei e Davide?

“Vicino a lui mi vedo diversa. Non credevo di arrivare fino a questo punto, né di poter costruire così tanto. Penso di aver messo tutte le basi per una relazione fuori. Tra litigi e incomprensioni, siamo comunque riusciti a venirne fuori e a conoscerci di più. Abbiamo due caratteri differenti, ma nonostante tutto compatibili. Ci siamo sempre venuti incontro e abbiamo imparato ad accettare i nostri difetti e a capirci a vicenda.”

Il ricordo dell’esterna più bella.

“Quella che mi ha lasciato di più è quella in cui Davide mi ha portato nel suo residence e mi ha fatto vedere la foto di sua mamma e di suo fratello. Si è raccontato, mi ha parlato della sua storia e per me è stato davvero importante. È come se mi avesse aperto le porte del suo mondo e del suo passato. Quando qualcuno si racconta, lascia sempre un pezzo di sé nella vita dell’altra persona e così è stato.”

Il suo momento più difficile?

“Difficile contarli! Al di fuori non dividerei mai un ragazzo con un’altra, quindi è stato tutto molto complicato. In questi mesi abbiamo vissuto tanti momenti duri, anche in quest’ultimo periodo. Ora che siamo vicini alla scelta, all’idea di non essere la persona che uscirà con lui, le paure si moltiplicano e non si sta bene. L’episodio che mi ha fatto più male è quando, dopo aver visto una nostra esterna in cui gli raccontavo tanti piccoli pezzi della mia vita e dove c’era stato un bacio che contava tanto, l’ho visto raggiungere subito dopo Chiara, anticipando addirittura la loro esterna, e baciarla. Spero di non rivivere più una sensazione del genere.”

Qual è la qualità più grande che vede in Davide?

“Penso che sia un ragazzo con un grande cuore e abbia grandi valori. Il fatto che, a venticinque anni, piuttosto che andare a ballare lui pensi a mettere delle radici e a costruirsi un futuro solido gli fa onore. Mi piace che sia sincero e spontaneo, ma anche il fatto che cerchi sempre di proteggermi, nonostante non sempre gli riesca bene (ride, ndr).”

È stata questa la chiave del suo innamoramento?

“Ho voluto essere sincera sui miei sentimenti, e mi sono buttata anche in questa cosa. Quando sto con lui sento che non vorrei più andare via dalle sue braccia; non mi basta quel poco tempo che abbiamo e avrei voglia di raccontargli mille cose e di portarlo nella mia quotidianità. Purtroppo non sono riuscita a farlo per via delle restrizioni, e di tante cose che ci sono nella mia vita. Ho voglia di litigarci per poi chiarire. Essere innamorata, per me, vuol dire non farmi bastare mai quella persona, averne sempre bisogno e sempre un po’ di più. Significa tornare a casa, pensarci. Cucinare e pensare di potergli stare vicino, chiedermi se quel piatto potrebbe piacergli oppure pensare alle sue espressioni nel caso in cui non fosse di suo gusto. Vuol dire addormentarmi e vederlo al mio fianco al posto dei pupazzi (sorride, ndr). Ecco, sono innamorata, ma non sono stupida. Ho sempre notato tutto ciò che ha fatto e detto. Non sempre mi è andato bene e ho cercato di farglielo capire. Mi sono lamentata, ma d’altro canto quale rapporto normale non ha dei momenti no?.”

Immaginando la vita fuori dallo studio lei è sembrata disposta ad accorciare le distanze. Sarebbe già pronta a cambiare città?

“Non mi sono mai tirata indietro. Abitiamo a tanti chilometri di distanza ed è complicato pensare di viversi realmente così, perché non riusciremmo a capire se stiamo davvero bene. Sarei disposta a trasferirmi. Sicuramente non succederà nell’immediato, ma questa per me è una cosa seria e voglio prenderla come tale. Nella mia città mi sento piccola e vuota. Sono sicura mi mancheranno i miei amici e gli affetti, ma ognuno prima o poi, quando cresce, deve crearsi la propria dimensione.”

Crede di essere la scelta?

“No, ho imparato a non avere aspettative perché sono sempre rimasta delusa. C’è la paura di stare male, ma spero che non sarà così altrimenti non sarei qui. Davide riesce a rendermi viva, a farmi sorridere. Ho investito tanto in questo percorso e vorrei che tutti gli sforzi non fossero vani. Comunque vada, io so di avercela messa tutta, di averci provato fino alla fine, di aver fatto vedere la vera me, sia nel bene che nel male. Sono contenta di quello che sono riuscita a lasciargli e spero siano più i ricordi belli che quelli brutti. Mi sono sempre buttata nelle cose, senza mai tirarmi indietro, nonostante vacillassi. Non ho mai smesso di crederci. Ci credo per tutte le parole che mi ha detto, per gli sguardi e le emozioni che ci siamo riusciti a trasmettere.”

Parliamo della sua rivale…

“Tra di noi c’è sempre stato un reciproco rispetto. Siamo due ragazze tranquille, che si trovano contrapposte solo perché sono lì per la stessa persona. Ho sempre preferito focalizzarmi sugli errori di Davide, sui suoi gesti. Non posso fare una colpa a Chiara di come si comporta lui. Credo ci sia stata sempre educazione tra di noi. Per quello che ho visto di lei, penso sia una ragazza semplice, genuina e solare.”

E se dovesse essere Chiara la scelta?

“Mi convincerei di non averci mai capito niente, e che le sensazioni che ho percepito in questi cinque mesi forse erano frutto della mia immaginazione. Penserei di averlo idealizzato, che sarei dovuta essere più lucida e vedere la realtà. In tanti mi hanno detto che sono troppo dentro e forse è vero, perché non ho mai lasciato il cuore a casa. Non so come potrei reagire, ma sono confusa solo all’idea.”

Come si immagina quel momento?

“Mi faccio mille film su quel giorno da circa un mese, quasi da non dormirci la notte. Credo che quando accadrà non riuscirò a parlare: sono agitata solo all’idea. Ho già pensato a cosa mettermi e lo porto in valigia, con me, come portafortuna già da diverse puntate. Ho pensato anche ai capelli e al trucco. Sto aspettando solo lui.”

Lasci un messaggio per Davide.

“Sono stati cinque mesi interminabili, di alti e bassi continui, di pura follia, ma vorrei che fossero solo l’inizio».”

 

LEGGI ANCHE

Elisa Isoardi si confessa a Verissimo: “Ricomincio da me, da chi mi sa più apprezzare”