Non è L’Arena, Cotticelli lancia la bomba da Giletti: “Ero in stato confusionale, forse mi hanno drogato”

Non è L’Arena, Cotticelli lancia la bomba da Giletti: “Ero in stato confusionale, forse mi hanno drogato”

8 Novembre 2020 0 Di Lorenzo Porcini

Il caso Cotticelli si infittisce sempre più, infatti l’ex commissario della sanità della regione Calabria durante la trasmissione Non è l’Area, condotta da Massimo Giletti, ha gridato al complotto dopo le accuse ricevute dopo la sua intervista al programma di Rai 3 Titolo V, costatagli le dimissioni:

“Non so cosa mi sia successo. Non ero io. Sto indagando con un medico per capire cosa mi sia capitato in quei momenti, se ho avuto un malore o qualche altra cosa.  Sembrava la mia controfigura,  io non so in quel momento cosa mi sia successo, la mia famiglia non mi ha riconosciuto. Non connettevo. Il piano anti Covid l’ho fatto io. Io non so cosa sia successo”

Ma le accuse lanciate da Saverio Cotticelli non sono finite qui, infatti poi ha rincarato la dose aggiungendo:

“Sto cercando di capire sto cercando di capire se ho avuto qualche altra cosa, sto cercando di capire con un medico. Quella intervista è stata preceduta da attacchi anche istituzionali. E quando tocchi certi interessi devi essere eliminato.”

 

“io stesso mi sono vergognato e mi sono immediatamente dimesso. Quando un uomo sbaglia deve pagare e metterci la faccia. Stasera sono qui per spiegare perché lo devo ai calabresi. Ero in stato confusionale, dopo l’intervista ho vomitato e ho passato una notte terribile. Non so se mi hanno drogato, non lo posso sapere, so solo che non ero lucido e non stavo bene.”

 

Sicuramente parole forti quelle dell’ex commissario della sanità calabrese.

 

 

LEGGI ANCHE

The Voice Senior, rinviato il debutto al 27 novembre (PROMO)