L’Unione Europea chiede una limitazione della qualità di Netflix

L’Unione Europea chiede una limitazione della qualità di Netflix

19 Marzo 2020 0 Di Giada Mossini

Il diffondersi del virus Covid-19 (conosciuto come coronavirus) non è più un problema locale ma si sta trasformando in un problema a livello mondiale, tanto da ottenere il nome di pandemia.

La quarantena, a cui tutti siamo tenuti ad attenerci, sta cambiando radicalmente le abitudini di tutta la popolazione, cominciando proprio dalle attività di smart working (lavoro da casa) o e-learning (studio da casa) fino alle attività di svago come acquisti, gaming e attività di streaming online.

Insomma, le reti internet sono in sovraccarico proprio perché ogni giorno milioni e milioni di persone si connettono contemporaneamente alla rete.

L’Unione Europea si è resa conto di ciò che sta succedendo e ha chiesto alle piattaforme più utilizzate, quali Netflix e Youtube, di limitare la qualità del loro servizio per evitare un sovraccarico e quindi un tilt delle reti.

Questa richiesta proviene da uno dei commissari europei responsabili della politica digitale (Thierry Breton), il quale ha sottolineato che è “responsabilità congiunta- delle piattaforme di streaming e delle società di comunicazione- prendere provvedimenti al fine di garantire il buon funzionamento di Internet” in questo momento complicato.

L’Europa, perciò, richiede a servizi come Netflix di cercare di offrire il servizio solamente in qualità standard (SD) anziché in qualità elevata come HD o 4K, al fine di mantenere un equilibrio della rete Internet. A quanto pare, nonostante non siano ancora state attuate le strategie di miglioramento della rete, sembra che Thierry Breton sia in contatto con Red Hastings (CEO di Netflix), richiedendo di abbassare la qualità della piattaforma almeno nelle ore di punta.