martedì, Giugno 18, 2024

ULTIMI ARTICOLI

CORRELATI

Ilary Blasi diventa “Unica” per fare rivelazioni su Totti

L’annuncio di un documentario dedicato ad Ilary Blasi, Unica, ha suscitato non poco interesse nel mondo del gossip, e non solo.

Il docufilm, disponibile in esclusiva su Netflix a partire dal 24 novembre, promette di svelare retroscena inediti della vita della presentatrice romana.

Naturale, quindi, chiedersi se ci saranno rivelazioni scottanti in merito alla sua separazione da Francesco Totti.

Dopo il breve comunicato con cui Ilary annunciava la sua separazione dall’ex capitano giallorosso, non è mai, ufficialmente, scesa nei dettagli.

Totti ha, invece, raccontato, in diverse occasioni, la sua versione della storia, salvo poi cercare un riavvicinamento alla Blasi per il bene dei loro tre figli.

A dare qualche anticipazione è il regista di Unica, Tommaso Deboni.

In un’intervista al Messaggero ha infatti raccontato

“La versione di Ilary è quella di una donna famosa che ha affrontato ciò che le è capitato come avrebbe fatto chiunque altro. Credo che molte donne si rivedranno in lei. Non ha mai fatto richieste speciali, la vedremo acqua e sapone. Le persone intelligenti prendano questo film come un messaggio conciliante, discreto”.

Ci chiediamo, quindi, se avremo la versione di Ilary sulla sua separazione e un commento sulla relazione di Francesco con Noemi Bocchi.

E’ ancora il regista a chiarire questo punto ed a smorzare gli entusiasmi di chi si aspettava Ilary in versione kamikaze: trattandosi di un documentario sulla sua vita sarà inevitabile che tratti l’argomento ma in modo contenuto.

Deboni rivela, inoltre, che il docufilm è stato girato all’oscuro di Totti:

“Abbiamo girato velocemente e di nascosto dalla gente e da Totti, in studio, nella casa di Ilary e durante un viaggio con gli amici. Non ci sono testimonianze scomode o rivelazioni eclatanti. C’è la faccenda degli orologi e delle borse, ovviamente, perché fa parte della storia”.

Chi si aspettava dunque il remake della “Guerra dei Roses” dovrà “accontentarsi” di un ritratto della Blasi, in versione più intima e lontana dai riflettori.

I PIU' LETTI