Il San Paolo verrà dedicato a Maradona

Il San Paolo verrà dedicato a Maradona

4 Dicembre 2020 0 Di Alessandro Galimberti

Lo stadio di Napoli San Paolo cambierà denominazione e da oggi diventerà lo stadio Diego Armando Maradona in onore al grande campione argentino scomparso nove giorni fa e già da oggi i tifosi hanno iniziato ad attaccare sciarpe, foto e oggetti legati alla vita del campione argentino. Sulla decisione di cambiare nome allo stadio si è espresso lo stesso sindaco di Napoli Luigi De Magistris e dall’ Assessore alla toponomastica Alessandro Clemente.
Questo è l’atto ufficiale della delibera dove si legge che:

Maradona – si legge nella delibera – ha incarnato il simbolo di riscatto di una squadra alla quale, negli anni più bui, ha dimostrato che è possibile rialzarsi, vincere e trionfare, offrendo al tempo stesso un messaggio di speranza e di bellezza all’intera città perché, attraverso le vittorie calcistiche del fuoriclasse argentino a vincere non è stata soltanto la squadra del Napoli, ma l’intera città, che si identifica pienamente in lui; sempre dalla parte dei più deboli e della gente comune, Maradona ha combattuto i pregiudizi e le discriminazioni di cui erano ancora oggetto i napoletani all’interno degli stadi, diventando idolo dell’intera città, che gli ha perdonato anche le debolezze e le fragilità dell’uomo che mai hanno offuscato la grandezza del campione“.

Intanto così si è espresso De Magistris su Maradona e su cosa ha rappresentato per Napoli:

“”Il suo ricordo, la sua storia, la sua leggenda, il suo mito, la sua capacità di unire come nessun altro sa fare, non meritano divisioni e polemiche incomprensibili e squallide – scrive il primo cittadino in una nota – Ci siamo mossi immediatamente perché rappresentiamo la città e siamo napoletani, interpretando l’immensa partecipazione popolare per la scomparsa del nostro Diego, campione universale, napoletano ed argentino. Siamo solo felici che, dopo l’intitolazione dello Stadio, della stazione della linea 6 della Metropolitana e del progetto per il Museo, e tanto altro ancora che si sta facendo e si farà, ci siano tante altre manifestazioni di affetto per Maradona: ben vengano. Maradona non è di nessuno, non merita speculazioni di nessun tipo, è memoria collettiva e globale”.

Dunque per lo stadio di Napoli inizia una nuova era.

 

 

LEGGI ANCHE 

Sanremo 2021 ecco i possibili big da Luca Carboni a Elodie passando da Giusy Ferreri e Lorenzo Fragola