Fiori sopra l’inferno, arriva su Rai 1 dal 13 febbraio la nuova serie tv tratta dal libro di Ilaria Tuti | MondoTV 24
Connettiti con noi

Serie TV

Fiori sopra l’inferno, arriva su Rai 1 dal 13 febbraio la nuova serie tv tratta dal libro di Ilaria Tuti

Pubblicata

su

fiori sopra l'inferno

Arriva in prima visione su Rai1 dal 13 febbraio Fiori sopra l’Inferno, la nuova serie tv, coprodotta da Rai Fiction con Publispei, la casa di produzione presieduta da Verdiana Bixio, tratta dal romanzo di Ilaria Tuti, pubblicato da Longanesi e tra i successi editoriali degli ultimi anni, che ha scalato tutte le classifiche di vendita con tre edizioni in una settimana.

Protagonista della serie è l’attrice Elena Sofia Ricci che interpreta Teresa Battaglia, un’esperta profiler di quasi sessanta anni, arrivata dalla città assieme alla sua piccola squadra, la sua famiglia, nella quale si è appena insediato un nuovo membro, il giovane Ispettore Massimo Marini (Giuseppe Spata), in fuga da se stesso e dal proprio passato.

A ruotare attorno alla vita di Teresa c’è anche l’Ispettore Capo Giuseppe Parisi (Gianluca Gobbi). È l’ombra di Teresa da più di vent’anni, ovunque abbia prestato servizio, l’ha seguita. La conosce meglio di chiunque altro e, dietro a quel guscio coriaceo, sa riconoscere le ferite e le fragilità che l’hanno portata a essere la donna che è.

Nel corso della serie Teresa Battaglia dovrà confrontarsi e misurarsi tanto con i suoi limiti, quanto con le sue qualità di donna, grazie alla presenza di un affiatato gruppo di bambini che, come dei piccoli “Goonies”, nell’amicizia trovano la forza di non pensare al dolore che si nasconde nelle loro case e di sognare un mondo e una vita migliori, come è normale e giusto che sia, alla loro età.

Teresa, con loro, mostrerà il suo lato più tenero e materno rivelandosi per ciò che è: una donna che ha volutamente sepolto la propria umanità dietro una patina di durezza e cinismo.

“Fiori sopra l’inferno” è un thriller ambientato a Travenì, un piccolo paesino delle Dolomiti friulane, che vede protagonista il commissario di Polizia Teresa Battaglia, esperta di profilazione, un personaggio femminile complesso e contraddittorio proprio come i boschi misteriosi, silenziosi e innevati in cui la storia si sviluppa.

La serie, in tre serate da 6 episodi, è scritta da Donatella Diamanti, Valerio D’Annunzio e Mario Cristiani. Head Writer, Donatella Diamanti. Supporto Organizzativo e Finanziario di Friuli Venezia Giulia Film Commission – Promo Turismo FVG. Con la collaborazione della Polizia di Stato.

 

LEGGI ANCHE

Sanremo 2023, Paola e Chiara, da oggi disponibile in pre save “Furore” il brano in gara al Festival

Serie TV

Mercoledì non è più la serie Tv più vista su Netflix, ecco chi ha preso il suo posto

Pubblicata

su

La serie Tv su Mercoledì Addams sta ottenendo un successo planetario e oltre ad essere rimasta per 30 giorni al primo posto tra le serie più viste su Netflix, sta riscuotendo anche una popolarità incredibile sui social, infatti la Wednesday Dance è diventata virale e anche tantissimi Vip hanno deciso di reinterpretarla.

Dopo 30 giorni al primo posto Mercoledì ha dovuto lasciare il passo ad un’altra serie Tv che si è portata in vetta alla classifica della popolare piattaforma di streaming, stiamo parlando della nuova stagione di Emily in Paris.

Un grande risultato comunque per la serie Tv che è riuscita a rimanere al primo posto per un mese, ma anche per Jenna Ortega, l’attrice che interpretata Mercoledì Addams.

 

LEGGI ANCHE

Sanremo 2023, Amadeus cambia il regolamento, ecco cosa accadrà nella serata cover

 

Continua A Leggere

Musica

Lady Gaga si trasforma in Wednesday Addams, il video diventa virale

Pubblicata

su

lady gaga wednesday

La serie Tv di Netflix incentrata su Wednesday Addams sta riscuotendo un successo planetario e attualmente è stabile alla prima posizione delle serie tv più viste sulla piattaforma di streaming.

La Wednesday Dance di Jenna Ortega è diventata virale sui social e in tanti hanno riproposto la propria versione specialmente su Tik Tok. La canzone è un remix di ‘Bloody Mary’ un brano del 2011 di Lady Gaga che sta vivendo una ribalta inaspettata.

Spinta sicuramente dalla richiesta insistente da parte dei fan, anche la stessa Lady Gaga ha deciso di fare la sua versione della Wednesday Dance e in poche ore ha fatto il giro dei social totalizzando milioni di like e visualizzazioni.

 

 

Continua A Leggere

Serie TV

Cara Delevingne, “Sono qui per avere un orgasmo e per donarlo alla scienza” la top model indaga sul piacere

Pubblicata

su

cara Delavingne

Cara Delevingne si è prestata a un progetto per indagare sul gender climax gap, ovvero la disparità di genere che riguarda il piacere, durante un episodio di una docu-serie della BBC dedicata al sesso. La modella si è recata in un ospedale della Germania specializzato nella ricerca sulla sessualità e ha dato il consenso per farsi analizzare per far capire cosa accade nel corpo umano dal punto di vista chimico quando ha un orgasmo. Come? Le è stato prelevato un campione di sangue prima e dopo il climax e i risultati verranno resi noti nella prossima puntata della docu-serie.

Alla base di tutto una ricerca per capire come mai le donne provano meno orgasmi degli uomini, la maggiorparte delle cause è da cercare nella scarsa informazione sul piacere femminile, argomento considerato tabù fin quasi la fine del secolo scorso, ma si vuole arrivare anche a dare una collocazione scientifica ai motivi che portano tante donne a provare poco piacere.

Sono qui per avere un orgasmo e per donarlo alla scienza– ha cominciato Cara Delevingne per introdurre l’argomento, per poi continuare – nel 21esimo secolo ci si aspetterebbe che uomini e donne avessero una vita sessuale ugualmente appagante. E invece pensa un po’? Se parliamo di orgasmi esiste un chiaro gender gap. I dati indicano che solo il 65% delle donne etero raggiunge l’orgasmo, ma stando alle mie amiche possiamo scendere anche al 15 o 20% “. A questo proposito anche Laurène Dorléac, CEO di Climax, una piattaforma dedicata alla scoperta del piacere femminile ha dato una spiegazione culturale e sociale del fenomeno : “Ricerche dimostrano che 1 persona su 4 non è in grado di identificare la clitoride in un’illustrazione. Questa lacuna si fa problematica quando scopriamo che più di un terzo delle donne ha bisogno della stimolazione clitoridea per raggiungere l’orgasmo. È un chiaro gap di apprendimento che va colmato. Una corretta educazione al piacere è un argomento serio che deve essere affrontato per abbattere le disuguaglianze”

Anche Erika Desambrois sessuologa e psicologa ha evidenziato lacune di molte persone in tema di sessualità femminile : “Si sa ancora molto poco sulla clitoride. Non solo sulla sua localizzazione, ma anche su come funzioni, come stimolarla e come comunicare con lei. Mi è capitato spessissimo nella mia pratica clinica di passare buona parte delle sedute, individuali o di coppia, a mostrare modellini 3D o immagini anatomiche per spiegare localizzazione, conformazione e nozioni base di anatomia femminile. C’è una gran confusione”.

LEGGI ANCHE

Amici 22, dubbi di Mattia su Maddalena, rapporto in crisi ? Ecco cosa è successo

 

Continua A Leggere

attualita

Copyright © 2023 mondotv24 - Per contatti commerciali/pubblicitari, collaborazioni e opportunità contattare: andrea@andreamartinelli.eu P.IVA: 03376190231