Amici 20, intervista a Raffaele Renda: “Amici è sempre stato un sogno da quando ero bambino.”

Amici 20, intervista a Raffaele Renda: “Amici è sempre stato un sogno da quando ero bambino.”

5 Maggio 2021 0 Di uominiedonne._.news

Raffaele Renda, giovane cantate calabrese,  ha iniziato a studiare musica fin da piccolo. Nel 2017 esordisce nel mondo della musica partecipando a Sanremo Young, ovvero la celebre trasmissione dedicata ai giovani talenti che vogliono emergere. Qui Raffaele dimostra a tutti di avere un enorme talento e per un soffio non sale sul gradino più alto del podio.

Il cantante riesce poi ad entrare nella scuola di Amici e quindi a conquistarsi il banco grazie ad Arisa e Anna Pettinelli. Ovviamente però non sono mancate critiche per il ragazzo da parte di Rudy Zerbi. Raffaele viene purtroppo eliminato durante la sesta puntata del Serale dopo essersi scontrato al ballottaggio finale con Deddy.

Intervistato da Comingsoon.it, ha raccontato della sua esperienza a Sanremo, delle emozioni vissute nelle scuola di Amici, dell’eliminazione e dei suoi progetti futuri.

Ecco alcune domande dell’intervista:

Nel 2017 hai partecipato anche a Sanremo Young, che esperienza è stata?

La musica c’è sempre stata. Sanremo Young mi ha cambiato la vita. È stata la mia prima vera esperienza, salire su un palco così importante a soli 17 anni è stato davvero incredibile. In quel momento ho preso piena consapevolezza di voler fare veramente questo come lavoro. Mi sentivo bene sul palco, lì ho capito che la musica è tutta la mia vita.”

Poi è arrivato Amici. Come descriveresti il tuo percorso nella scuola?

Amici è sempre stato un sogno da quando ero bambino. Prima di quest’anno, ci ho provato per ben quattro anni ad entrare. È stata un’esperienza assurda. Mi piace definirla come una palestra di vita che ti prepara a quello che poi dovrebbe essere fuori il nostro lavoro da artista. Io ho cercato veramente di prendere tutto e imparare ogni minima cosa da ogni singola persona lì dentro. Ho tanti bei ricordi che mi porterò dietro. Quando sono entrato per la prima volta nello studio del Serale mi sembrava tutto così surreale.

Durante il tuo percorso non sono mancate le critiche, che hai sempre affrontato con il sorriso. Cosa ha signficato per te avere la stima e il sostegno di una professionista come Arisa?

È stato difficile gestire alcune situazioni a livello mentale. A volte sono crollato, altre invece ho cercato di non cedere e penso di esserci riuscito. Sono una persona autoironica. Mi sono fatto scivolare tante cose, non mi toccava nulla. Allo stesso modo, penso che se non ci fosse stato Rudy Zerbi non mi sarei messo così tanto in gioco. Arisa mi ha voluto veramente tanto bene. Ho conosciuto una persona prima che un’artista fantastica. Mi ha consolato e spronato ad andare avanti. Ha sempre creduto in me, senza di lei non so se ce l’avrei fatta.”

Nella scuola ti sei ritrovato anche al centro di un triangolo amoroso. In che rapporti siete oggi con Martina?

Ho cercato di gestire la situazione perché per me era davvero scomoda. Io avevo instaurato un bel rapporto di amicizia con Luca (Aka7even ndr) e con Martina. Ho deciso di restarne fuori e lasciarli chiarire da soli. Qualsiasi cosa avrei preferito viverla fuori. Non volevo passare come quello che aveva diviso una coppia, come il “cattivo” della situazione, anche perché queste cose non mi appartengono. Nella casa, Martina è stata una persona fondamentale per me. Posso dirti che oggi stiamo imparando a conoscerci.”

Progetti futuri e sogni nel cassetto?

A breve uscirà il mio EP. Diciamo che a livello artistico, tutto quello che volevo l’ho sempre ottenuto. Il mio obiettivo ora è Sanremo. Speriamo di riuscire a realizzare anche questo sogno.”

 

LEGGI ANCHE

Barbara d’Urso risponde ad una rima di Fedez del 2009