Alessia Marcuzzi alla Rai, ecco la trattativa segreta con Viale Mazzini

Alessia Marcuzzi alla Rai, ecco la trattativa segreta con Viale Mazzini

9 Marzo 2022 0 Di Giuseppe Scuccimarri

E’ da quando ha abbandonato Mediaset lo scorso 30 giugno che si rincorrono le voci sul futuro televisivo di Alessia Marcuzzi, la conduttrice romana fin dal giorno del suo addio al Biscione ha dichiarato che sarebbe tornata in TV unicamente se ci fosse stata per lei una proposta interessante, in particolare se le avessero dato modo di poter realizzare il talk show tutto al femminile che ha in testa da tempo. In tutti questi mesi la Marcuzzi è stata accostata a diverse emittenti, il suo nome è stato fatto anche per la co-conduzione del Festival di Sanremo si è addirittura parlato di un clamoroso ritorno in Mediaset, ma le condizioni dettate dalla conduttrice e dal suo potente manager Beppe Caschetto non sono state accettate.

Il portale Dagospia ha messo nelle ultime ore in circolazione la notizia di una trattativa segreta e in stato avanzato tra la Rai e il potente manager della conduttrice, della quale si starebbe occupando direttamente Carlo Fuortes, l’Amministratore Delegato dell’azienda di Viale Mazzini, ecco cosa scrive il portale :

“Qualche settimana fa Dagospia aveva svelato il riavvicinamento, a pochi mesi dall’addio, tra Mediaset e la Marcuzzi. Sul tavolo tre programmi ma tutto si era concluso con un nulla di fatto e con il successivo sbarco di Belen Rodriguez a Le Iene. C’era stata una proposta del gruppo Discovery anticipata dal settimanale Oggi. E la Marcuzzi cosa farà? Dove andrà?  Stando alle nostre fonti sarebbe in corso una trattativa con i vertici di Viale Mazzini. Una trattativa segreta, gestita direttamente dal potente manager Beppe Caschetto con l’amministratore delegato Carlo Fuortes e con il parere favorevole del direttore dell’Intrattenimento Prime Time Stefano Coletta. Una trattativa non conclusa ma in fase avanzata. Sui titoli le bocche sono cucite, cosa bolle in pentola?”

LEGGI ANCHE

GF Vip, Alessandro Basciano “Ci hanno informati sulla guerra ma sono stati vaghi”