domenica, Luglio 14, 2024

ULTIMI ARTICOLI

CORRELATI

Tale e Quale Show, Lorenzo Licitra a MondoTV24, la sua esperienza nello show, la sua musica ed il suo pensiero sui talent

Diventato noto grazie al talent show X Factor, strappando la vittoria ai Maneskin, nel 2017, Lorenzo Licitra è uno dei protagonisti assoluti della nuova stagione di Tale e Quale Show, il programma di Raiuno condotta da Carlo Conti.

Lorenzo è nato tenore ma, nonostante una carriera già ben avviata nel mondo della lirica, se si pensa che a 16 anni si esibiva in tutto il mondo, ha ceduto al seducente richiamo della musica leggera.

Ha scelto la strada più difficile, la più insidiosa, ma, nonostante gli ostacoli, è rimasto fedele alle sue scelte e le ha portate avanti, con tenacia e umiltà.

Non ci sorprende, dunque, che abbia trovato spazio nel programma di Conti, dove oltre alle indiscutibili doti canore, ha potuto mettere in evidenza il suo talento a tutto tondo.

Oggi pomeriggio abbiamo avuto il grande piacere di incrociarlo e di poter fare due chiacchiere con lui.

Ecco cosa ci ha raccontato.

Per chi ti conosce poco sei stato una sorpresa per chi ti segue da diverso tempo sei una conferma, con la differenza che ora c’è la consapevolezza che sai calarti benissimo nei panni di altri colleghi senza farne sentire la mancanza o che se ne scorgano le differenze. Come è maturata la decisione di partecipare a Tale e Quale Show e cosa stai traendo di bello da questa esperienza ?

“La proposta c’è da un paio di anni, più volte mi hanno invitato, ma per motivi vari non ho mai potuto. quest’anno ho potuto cimentarmi in un nuova esperienza mi diverto in tv è una esperienza formativa ci sono ore di recitazione canto, trucco, l’unica nota forse stonata è la pazienza che bisogna avere nel sostenere tante ore sotto i pennelli ma fa parte del gioco, alla fine è esperienza anche quella.”

Ci sono state conferme anche per te ? Artisti che non pensavi di rendere così bene e per cui a fine esibizione hai pensato tra te e te “ah però” e se ci sono artisti che ti piacerebbe imitare?
“Ci saranno altri grandi nomi, ma non posso spoilerare per motivi di produzione tv, sono soddisfatto perché coloro che ho imitato sono stati  molto contenti ho abbracciato artisti vicini a me a livelli vocali e altri diversi. Diodato ha chiamato per congratularsi, Mengoni è stato contento mi hanno detto. E’ sempre bello lo studio di altri cantanti, è un programma televisivo, sono contento per lo studio contento dei giudici e del feed ricevuto dal pubblico”.
Vieni da un talent  importante che peraltro hai vinto, un tempo probabilmente rappresentavano l’unica strada per un giovane di talento per farsi conoscere,  credi ancora nell’importanza dei talent, lo consiglieresti a un giovane che vorrebbe intraprendere la professione di cantante?
“Lo consiglierei è una esperienza comunque un’ ottima palestra ti rapporti a professionisti che altrimenti non avresti modo di incontrare. Nel mio caso XFactor è stata una palestra che per limiti sociali dovuti alla esclusione dal mondo esterno mi ha consentito di pensare solo alla musica. Certo adesso le cose sono un po’ cambiate la musica cambia continuamente, si può fare musica anche al telefono, se su TikTok metti un brano che piace spopoli, il talent resta comunque una esperienza.”
Hai cominciato giovanissimo a 15 anni concentrandoti sul canto lirico, pensi che la lirica possa essere resa più fruibile e appetibile per le nuove generazioni, che non venga considerata un tipo di proposta musicale diversa e elitaria ma fruibile a tutti?
“Questa è una bella domanda e ti rispondo che sarebbe un bel sogno, ma non ci sono i mezzi più pratici, non esiste un programma che possa avvicinare i giovani al genere ed è un peccato. Ci sono quelli, una piccola parte che viene in teatro che assiste a opere e apprezza il genere, ma è una piccola parte, purtroppo manca qualcosa che li invogli e i giovani fanno fatica a avvicinarsi.”
Ci sarà un progetto musicale legato a questa tua esperienza, se ci puoi dare qualche anticipazione, se ci saranno cover o inediti  o se comunque è una idea che stai valutando?
“C’è una idea in cantiere che sta per nascere posso parlare poco, si tratta di  musica inedita, si tratta del mio range di musica sono contento, ci sarà un primo singolo in italiano e poi una cosa più grande, ne parleremo quando sarà il momento”.
Come ti trovi con i tuoi compagni di avventura? C’è qualcuno con cui hai legato di più? Con la squadra dello show come ti sei trovato, cosa significa per un cantante di esperienza mettersi in gioco in uno show che prevede anche altre componenti oltre il canto?
“Molto divertente vedo cose, persone da cui posso apprendere, c’è sempre lo scherzo, è facile il clima, mi trovo molto bene con tutti soprattutto con Pamela  Prati e  Ginevra Lamborghini.  Pamela è divertente sempre con il sorriso col sorriso riesce a sdrammatizzare tutto anche i momenti di tensione, si vede che è una grande professionista, Ginevra è simpatica, solare, ci accomuna la data di nascita, ma siamo in sintonia su tante cose.”
Hai già in mente a chi dedicare la vittoria nel caso accadesse ?
“Non ho pensato alla vittoria, ma visto che me lo hai chiesto un paio di persone che lavorano con me ci sarebbero, persone  con cui sto condividendo i miei progetti musicali”.
Se ti dico Sanremo2024 cosa rispondi?
(RIDE) “E cosa ti rispondo, sarebbe bellissimo, Sanremo rimane sempre un grandissimo palcoscenico su cui mettersi in gioco, è una esperienza incredibile, certo che mi piacerebbe, vedremo.”
ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE UFFICIALE WHATSAPP

I PIU' LETTI